Comuni a Domicilio, il progetto che dà speranza ai giovani italiani e garantisce loro un futuro

Perché vai via? Lo faccio per il mio futuro. Questa è la classica risposta che ti aspetteresti dai giovani che decidono di lasciare l’Italia in cerca di un lavoro, in cerca del proprio futuro. In effetti, il rapporto tra i giovani italiani e il lavoro sembra prendere una piega sempre più drastica. Ormai si dà per scontato che qui i neodiplomati o i neolaureati non possano iniziare a mettere le radici e costruirsi un solido futuro.

E i genitori? Beh, i genitori pensano che l’unica cosa che possono fare per i propri figli sia appoggiare la loro scelta di andar via. Perché anche chi ha vissuto gli anni del dopoguerra – la crescita economica dell’Italia dopo un periodo di completa distruzione – paradossalmente, incoraggia i figli a cercare un lavoro all’estero.

Quando un figlio dice “Ho deciso di andare in Germania” oppure in Inghilterra, Australia o qualsiasi altro posto, quanti genitori effettivamente gli chiedono “Ma ci hai davvero provato a crearti un futuro qui?”. Se qualche genitore lo avesse fatto, magari a quest’ora in Italia avremmo a disposizione più cervelli che, invece di fuggire e portare innovazione all’estero, avrebbero potuto realizzare qualcosa di valore rimanendo in Italia, nel proprio paese.

Come dare valore al proprio territorio con Comuni A Domicilio

I modi per dare più valore all’Italia, e soprattutto al proprio territorio, sono tanti. Uno di questi è dar vita ad un business attuale e di successo. Un’attività che magari sfrutti le tendenze del momento, come per esempio quella dell’home delivery.

I servizi di consegna a domicilio sono talmente radicati che si fa fatica a pensare che tra qualche anno le persone siano disposte a rinunciare alla possibilità di ricevere qualsiasi cosa comodamente a casa, la terza età in primis. Per loro ricevere parafarmaci ed esami clinici direttamente a casa è, a dir poco, una necessità. Per una famiglia super indaffarata, ricevere la spesa a domicilio è una comodità irrinunciabile. Mentre per un libero professionista, ordinare il pranzo in ufficio non ha prezzo.

Il futuro dei giovani italiani si chiama Comuni A Domicilio

Ebbene, i giovani italiani dovrebbero essere i nuovi protagonisti del settore dell’home delivery, grazie anche al nuovo franchising Comuni a Domicilio. Il business di consegne a domicilio di prodotti di ogni tipo: dalla spesa a domicilio alla consegna dei fiori. Il franchising prevede la concessione in esclusiva della gestione dell’intero servizio nel proprio comune di appartenenza.

Il format di Comuni a Domicilio propone l’apertura e la gestione di un’agenzia di delivery da gestire in totale autonomia. Tuttavia, può diventare anche un business da gestire con tutta la famiglia, un momento di condivisione e unione familiare.

Quindi, i giovani italiani prima di andar via dovrebbero rendersi conto che il futuro possono trovarlo anche dietro l’angolo, nella propria città, senza dover lasciare i propri luoghi di origine e i propri affetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *